26 aprile 2014

Photoshop: illustrare in RGB o CMYK?


Ogni tanto qualcuno mi chiede il motivo per cui preferisco il metodo RGB pur sapendo che il mio lavoro è destinato alla stampa in quadricromia.
Certamente si può ottenere un buon risultato anche partendo dal metodo CMYK ma a mio avviso ci sono alcuni ottimi motivi per impostare il proprio lavoro in RGB e convertire in quadricromia solo alla fine, dopo aver appiattito tutti i livelli.

- Tutti lo sanno, la quadricromia "pesa" di più, rallenta e si perdono molti filtri, va bè io tanto non ne uso.

- Otto tubetti di acrilico consentono una gamma molto più vasta della migliore stampa in quadricromia, perché dovrei limitare la mia tavolozza digitale? A parte i miei portfoli sul web, se mi servono le immagini per una mostra le faccio stampare in RGB, senza rinunciare al mio blu cobalto.
Uso spesso comunque i cursori in quadricromia per cui vado fuori gamma stampabile solo con saturazioni e valori tonali. Se attivo Visualizza/Prova colore ho comunque l'anteprima del risultato in quadricromia, anzi in una specifica quadricromia.

- Questo è un punto essenziale, non esiste una generica "quadricromia", ma precisi profili di quadricromia, uno per ogni tipo di stampa, carta, inchiostri utilizzati.
Altro punto a favore di un "Super originale" in RGB da convertire in CMYK solo al momento della consegna!
Se va su carta patinata convertirò probabilmente in Coated FOGRA39, se va su carta opaca sceglierò Uncoated FOGRA29, giusto per fare un esempio.
I profili colore non sono fisime, alcuni grossi editori di scolastica che stampano su carta sottile richiedono l'ISO Coated v2 300%, ovvero: il nero più nero di un'immagine RGB, convertita in quel profilo, produrrà una quadricromia dove la somma dei quattro inchiostri in un singolo punto non supera il 300%. Altrimenti la stampa non parte.

Ma se lavoro direttamente in quadricromia? Ecco che posso combinare guai grossi!
Facciamo finta che io stia lavorando in CMYK, col classico profilo Coated FOGRA39 e voglia aggiungere un cappellino nero a questo personaggio. Nulla mi vieta di sparare tutti i colori al 100% come faccio qui:


Aprendo il pannello Info, opportunamente configurato, il numero di fianco alla lettera Sigma permette a chi è scarso in matematica come me di vedere la somma dei quattro inchiostri nel punto dove posiziono il puntatore: 400%!
Roba da galera! Il FOGRA39, la comune stampa su patinata, ammette un TAC (Total Area Coverage) del 330.


Vediamo cosa succede se mi concedo le stesse libertà su un file RGB, visivamente il risultato è identico.


Ma se vado a verificare con l'Info trovo un valore Sigma di 329, quindi nei limiti del TAC del FOGRA39.
Vedo quel valore perché ho impostato FOGRA39 come CMYK di default da Modifica/Impostazioni colore.
Quindi la quadricromia "ufficiale" quando converto da Immagine/Metodo/Colore CMYK.

Ma questo file RGB potrà essere convertito in tutti i profili di quadricromia del mondo, ognuno con TAC e valori cromatici ottimizzati per un preciso tipo di stampa.
In questo caso, la conversione va fatta dal menu Modifica/Converti in profilo.
Attenzione, quando si salva il file bisogna sempre incorporare il profilo.

La quadricromia, in definitiva, è un oggetto piuttosto delicato, la presenza di un colore non lineare rispetto agli altri (il nero) mi fa preferire che se ne occupi il programma, è una delle cose che sa fare meglio.

Prossimamente scriverò due righe sulla scelta dello spazio RGB più opportuno per chi ha come intento finale la stampa, ma intanto possiamo già escludere il famigerato sRGB.

21 commenti:


  1. very interesting! Thanks for sharing your knowledge. For when a workshop in Spain?

    regards

    RispondiElimina
  2. Davvero interessantissimo! Farò tesoro di questi consigli, grazie mille!

    RispondiElimina
  3. Gracias Vacuo, es poco probable pero me gustaría mucho :)

    Grazie Clyo, sono contento se vi hai trovato qualcosa di utile!

    RispondiElimina
  4. Molto interessante :) Grazie. Io lavorando principalmente su grafica web non mi ero posto mai il problema, se infatti lavoro per un progetto che andrà in stampa parto sempre da cmyk.

    Questo suggerimento però è interessante, posso partire tranquillamente da RGB :))

    Attendo con ansia il post sui consigli per lo spazio RGB allora. Io in genere parto proprio da sRGB perché è lo standard. credo almeno, così mi dissero tempo fa :)

    ciao, grazie

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Grazie a te Andre. Io come vedi ho un approccio molto pittorico, su lavori di tipo grafico il CMYK ha i suoi vantaggi, come il poter gestire la sovrastampa del nero sugli altri colori.
    sRGB taglia fuori molti colori stampabili in CMYK ma è appunto lo standard per il web, quindi mi sembra corretto anche l'utilizzo che ne fai tu, tenendo separati i due ambiti.

    RispondiElimina
  7. Molto interessante! Grazie, anche perché ho scarse conoscenze in fatto di profili colori e queste due righe sono molto esplicative! ;)

    RispondiElimina
  8. Grazie Mire, quando parlo di queste cose ai corsi tutti hanno improvvisamente un treno da prendere… :)

    RispondiElimina
  9. grazie mille. io mi impicco sempre con il cmyk.

    RispondiElimina
  10. Grazie a te Monica, è una sofferenza per tutti :)

    RispondiElimina
  11. Thanks for sharing this information.
    it shows us that we can safely start from RGB.

    RispondiElimina
  12. molto interessante. Purtroppo lavorare in RGB è difficile miscelare il colore con le odiose levette del pannello colore. Molto più intuitivo lavorare in CMYK per me.Poi se alla fine si stampa non c'è pezza.

    RispondiElimina
  13. Ciao Federico, infatti io lavoro in metodo RGB ma i colori li miscelo con pannello impostato in CMYK!

    RispondiElimina
  14. Davvero grazie per il post!! Se riesco ci vedremo al workshop a Padova di novembre!

    RispondiElimina
  15. Grazie a te Fales, magari ci vediamo a Padova!

    RispondiElimina
  16. Un post utilissimo, Paolo. Grazie!
    Spero di riuscire a venire ad uno dei tuoi prossimi workshop!

    Buon lavoro!
    Ila

    RispondiElimina
  17. Hmm e un po' barriera il linguaggio e la lingua italiana ma sembra che stampare in RGB non e' male - forse sta bene il Photoshop elements finche' ho i soldi di comprare il Suite!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Working in RGB is good but in many cases publishers want a CMYK file. After finished the artwork I merge layers and I convert in a cmyk tiff file. If you are in touch with the publisher you can ask him to convert your RGB file.
      Be careful because many RGB colors are not printable as you see in the screen, PS Elements don't warns you about this. Other softwares like Clip Studio Paint do it.

      Elimina